La strada di casa, 25 anni nel segno dell’accoglienza (31/05/2019)


La giornata è stata anche l’occasione per presentare il bilancio sociale 2018 in cui proprio housing sociale e sostegno lavorativo sono le parole chiave.
Progetto Arca nata 25 anni fa a Milano oggi è presente in 11 regioni italiane. Lo scorso anno sono state 15.375 le persone fragili che hanno beneficiato di aiuto nel 2018. Tra queste, i senza dimora ospitati nelle strutture e raggiunti dai servizi offerti dalle Unità di Strada; mamme, papà e bambini in emergenza abitativa (famiglie inserite nel progetto di housing sociale); profughi richiedenti asilo accolti nei Centri di Accoglienza Straordinaria (Cas). Utenti con profili ed esigenze di recupero differenti, destinatari di una complessa filiera di servizi offerti, dove l’accoglienza è arricchita da una rete di attività interne, utili a dare forma e prospettiva ai servizi stessi, come il sostegno alimentare (sono 1.365 le persone a cui è stato consegnato un pacco di viveri una volta al mese lungo tutto l’anno) e il reinserimento lavorativo (163 gli ospiti che si sono misurati con il mondo del lavoro grazie a inserimenti professionali e tirocini).

Nell’accoglienza, l’incremento della qualità del servizio erogato si traduce in un’offerta che, oltre a comprendere posti letto e pasti, presta attenzione al benessere del singolo e alle esigenze legate al suo percorso.
È stato registrato un +25% rispetto all’anno precedente del numero delle strutture di accoglienza gestite da Progetto Arca (si passa da 93 strutture e appartamenti del 2017 ai 116 del 2018), capaci di accogliere nei 12 mesi un totale di 6.172 beneficiari (comprensivi di senza dimora, famiglie in difficoltà e richiedenti asilo). Per loro, sono state migliaia le ore di assistenza medica, psicologica e legale, oltre che corsi di lingua italiana per stranieri, dispensate durante l’anno.

In risposta al netto aumento delle fragilità di cui si è fatta carico la Fondazione nell’anno, le strutture sono rimaste aperte H24, così come l’assistenza in strada è stata effettuata 24 ore su 24 con Unità mobili di monitoraggio e pronto intervento sociale. Tra le strutture, l’ultimo in termini di tempo è il centro di accoglienza di via Giorgi a Milano: una micro-comunità caratterizzata dall’idea innovativa di coinvolgere i 25 ospiti nell’organizzazione del servizio e nella programmazione della quotidianità. Ci si allontana così dall’idea del dormitorio dai grandi numeri e dall’aiuto di tipo emergenziale (posti letto e pasti), puntando a una qualità dell’accoglienza, che vede la casa come uno spazio fisico e mentale da cui partire per riconquistare l’autonomia e rafforzare i legami sociali.

Su questa base è stato potenziato nel corso dell’anno il progetto di housing sociale, in particolare a Milano. Si tratta della progettualità dedicata alle fragilità con particolare attenzione alle famiglie emarginate con minori e ai nuclei mamma-bambino. Sono 273 i beneficiari dell’housing sociale nel 2018, a cui è stata offerta una soluzione abitativa temporanea (il patto di ospitalità varia da 6 a 18 mesi), con il supporto di un’équipe (composta da educatori, psicologi, assistenti sociali) che accompagna le persone nel percorso di ripresa dei rapporti sociali, di orientamento ai servizi sul territorio, di ricerca lavorativa o formativa. Ben il 41%, cioè 113 persone, sono state dimesse dal servizio di housing: sono state ciò messe nella condizione di recuperare l’autonomia della propria vita.

Sul fronte migrazione, il 2018 ha registrato un cambiamento significativo, a livello nazionale e internazionale, avvenuto a causa della riduzione degli sbarchi e delle nuove disposizioni di legge che hanno modificato modalità e tempistiche dell’iter di richiesta di asilo. Di fronte al nuovo contesto Progetto Arca ha risposto focalizzandosi anche qui sugli aspetti qualitativi dell’accoglienza. Sono stati quindi potenziati i servizi di orientamento legale, assistenza psicologica, supporto burocratico amministrativo e l’insieme della attività volte a promuovere l’integrazione dell’ospite nella comunità: dall’insegnamento della lingua italiana ai corsi di formazione professionale fino all’attivazione di borse lavoro e tirocini.

Oltre ai richiedenti asilo, Progetto Arca presta attenzione al sostegno lavorativo di tutti i suoi utenti come strumento, oltre alla casa, utile al reinserimento sociale. Questo è anche uno degli obiettivi di Progetto Mirasole Impresa Sociale, braccio destro di Progetto Arca nei progetti di inclusione avviati all’Abbazia di Mirasole.

La giornata al’Abbazia di Mirasole ha visto nel pomeriggio la presenza del sindaco di Milano Giuseppe Sala e dell’arcivescovo di Milano Mario Delpini. Nel chiostro è stata inaugurata la mostra Umani a Milano per Progetto Arca, nata dall’esperienza del libro fotografico (qui la news).

Source link